18 marzo 2001: Legofest VII

Per la prima volta nella Capitale!

Grazie alla calda accoglienza e alla impeccabile organizzazione della delegazione romana abbiamo passato un week-end veramente memorabile, alternando il gioco con i mattoncini di plastica alla visita ai millenari mattoni dei Fori Imperiali, del Colosseo e di altre meraviglie della capitale, accompagnati da guide d'eccezione (Domenico, Giovanna, Giuseppe).

Il raduno era centrato su due eventi principali: la realizzazione "in situ" di un grande diorama ferroviario (circa 200 binari), e una gara robotica di "line following" riservata a robot muniti di zampe. Inoltre Domenico ci ha mostrato una ricca galleria di modelli technic d'epoca ( 8868, 8854, 8849, 8855 ), Gigi ci ha illustrato il suo robot pneumatico, poi ci sono stati giochi a premi per i numerosi bimbi presenti (cioè quelli sotto i 12 anni :-) ), l'ottimo pranzo a ristorante, il sontuoso buffet al Legofest e molto altro...
Il tutto condito, naturalmente, da scambi di opinioni... e di set!

ItLUGgers presenti: Giuseppe Ietto, Ivano Talamo, Gianluigi "Gigi" Martinelli, Domenico Franco, Federico Saluz, Mario Ferrari, Sergio Lorenzetti, Pietro Boschi, Lucia Boschi, Antonio Cutolo, Ernesto Capobianco. Accompagnati da mogli, fidanzate, figli, cugini, amici...
Roberto Francia ha partecipato per procura, inviando il suo robot tramite Mario.

Domenico ha realizzato una bellissima sequenza panoramica che potete scaricare qui (richiede QuickTime): Panoramica (401 KB)


Treni






















Gara robotica

Su un percorso di circa 3 m disegnato da Sergio, quattro robot si sono affrontati nel seguire una linea il più velocemente possibile. Caratteristica peculiare dei robot era che dovessero essere dotati di zampe, mentre ruote e cingoli non erano ammessi.

Il robot di Mario, Dodi, aveva dodici piccole zampe, 6 per lato, e aveva il sensore di luce collegato al robot con un sistema di snodi che lo manteneva sempre in contatto col terreno anche durante le oscillazioni del robot. Non si può dire certo che fosse un fulmine, ma era molto preciso nel seguire la linea e molto costante nel suo progredire, per cui si è aggiudicato il primo posto in poco più di 2 minuti.

Al secondo posto è arrivato il robot di Roberto (nome non comunicato), programmato sul posto da Mario e Sergio. Aveva quattro zampe statiche, diciamo supporti, su cui il robot appoggiava mentre solleva le sue due lunghe zampe (una per lato). Procedeva a lunghi balzi, con un'andatura a volte un po' precaria ma comunque efficace e senza perdere il contatto con la linea. Si è classificato secondo in circa 2'40".

I robot di Pietro e di Gigi non sono riusciti a terminare il percorso. Il robot di Pietro, Spiderone, era basato su un disegno di Jin Sato a cui Pietro aveva aggiunto elementi di irrobustimento. Era sicuramente il più armonico ed efficace nei movimenti, ma purtroppo non riusciva a seguire la linea con continuità e si è "perso" più volte in vari tentativi.

Il robot di Gigi, Scarafaggio, aveva una configurazione assolutamente originale: le sei zampe, tre per lato, erano collegate ad un unico motore che le muoveva in modo sincrono. Per correggere la direzione utilizzava un secondo gruppo di zampe, ortogonali alle altre, che sbucavano da sotto la pancia. Molto simpatico il look, ma qualche precarietà meccanica e qualche imperfezione nel software gli hanno impedito di completare il percorso.

Il meccanismo di sollevamento di Scarafaggio.

Il robot di Roberto in azione.


Spiderone alla partenza.

Gigi prepara Scarafaggio.

Dodi affronta la prima curva.



Scarafaggio si è perso...

Spiderone alla "chicane".


Disclaimer
Questo è un sito web amatoriale senza scopi di lucro che non è sponsorizzato, sostenuto o autorizzato da The LEGO Company.
LEGO, LEGOLAND, LEGO SYSTEM, LEGO TECHNIC, LEGO FACTORY, DUPLO, LEGO PRIMO, LEGO MINDSTORMS, LEGO NXT sono marchi di proprietà di The LEGO Company.